Stazione meteo ufficiale di Pomezia dati in real time

News 3bMeteo

Meteo giornale
Gli ultimi articoli di News, analisi Italia, analisi estero.
Il meteo giornale di https://www.3bmeteo.com

  1. FLUSSO ARTICO VERSO IL CENTRO DEL CONTINENTE. La primavera non decolla in Italia e tantomeno in Europa. La causa è sempre la stessa ed è rappresentata da una continua discesa di correnti fredde che dall'Artico scandinavo si riversano verso sud  fino a lambire il Mediterraneo centrale, attraversando gli stati centrali del Continente. Fa molto freddo in Scandinavia e nevica ancora fino in pianura, ma questo può ancora essere considerato normale. Quel che invece dimostra che la stagione è tutt'altro che primaverile è l'andamento termico nel mezzo del Vecchio Continente.


    FREDDO ANCHE DI GIORNO. Qui l'aria è davvero pungente, oltre che a tratti instabile. Dalla Francia settentrionale al Baltico,passando per Germania e Olanda, le temperature si mantengono molto basse anche in pieno giorno, soprattutto laddove i cieli sono chiusi e le precipitazioni in corso. A Vienna a metà giornata di martedì non si va oltre i 3°C, con pioggia e la neve che imbianca i rilievi a quote molto basse. Anche a Lubiana e Zagabria non si va oltre i 3-4°C alla stessa ora, con maltempo, pioggia e neve a bassa quota sui rilievi.

    Schiarite un po' più generose consentono alla colonnina di approfittare del sole di aprile per far segnare qualche grado in più su Francia e Germania, ma non più di 7/8°C a Parigi, Bruxelles, Amsterdam e Berlino,più o meno come sulle Repubbliche Baltiche.


    TEMPERATURE POCO MOSSE NEI PROSSIMI GIORNI. E andrà avanti così anche nei prossimi giorni, rimanendo inalterato l'afflusso freddo dalle latitudini artiche che manterrà il tempo spiccatamente variabile con altri rovesci di neve a bassa quota sulle zone collinari. Solo nel corso del prossimo fine settimana si assisterà ad una graduale riduzione del freddo, ma la risalita delle temperature sarà comunque piuttosto lenta e graduale.



    © 3B Meteo
  2. Domani, mercoledì 14 aprile

    Nord: Tempo generalmente soleggiato; da segnalare solo qualche piovasco serale su Piemonte, Prealpi lombarde e Trentino. Temperature senza particolari variazioni, massime comprese tra 12 e 15.
    Centro: Residue piogge al mattino sul versante adriatico, in serata sull'Appennino, ma con tendenza ad ampie schiarite. Massime tra 13 e 18.
    Sud: Residua variabilità, con brevi piogge tra Molise, Puglia, Campania e Basilicata; più soleggiato altrove con assenza di precipitazioni. Temperature in calo, massime tra 13 e 17.

    Dopodomani, giovedì 15 aprile

    Nord: Nubi sparse e isolati piovaschi, specie su aree pedemontane, Piemonte e Veneto; rasserena entro sera. Temperature pressoché stazionarie, con massime comprese tra 12 e 16.
    Centro: Locali precipitazioni pomeridiane sui rilievi, nevosi dai 1100m di quota in Appennino; ampie schiarite altrove. Temperature stazionarie, massime tra 13 e 17.
    Sud: Tempo generalmente soleggiato sulle regioni peninsulari; nubi in aumento in Sicilia, con piogge tra pomeriggio e sera. Temperature stazionarie, massime tra 13 e 17.

    Fra 3 giorni, venerdì 16 aprile

    Nord: Nubi sull'estremo settore occidentale, con nevicate intorno ai 800-1000 m di quota su Alpi e Valle d'Aosta; tempo decisamente più soleggiato altrove. Temperature pressoché stazionarie, con massime comprese tra 12 e 17.
    Centro: Cieli coperti con piogge diffuse in Sardegna; nuvolosità estesa ma innocua sulle regioni peninsulari. Temperature in rialzo, massime tra 15 e 20.
    Sud: Nubi ovunque, con associate precipitazioni tra Sicilia, Calabria, Lucania e Campania. Temperature stazionarie, massime tra 13 e 18.

    © 3B Meteo

  3. 47°C in Senegal. Il caldo anomalo che ha interessato l'Africa sub sahariana orientale nelle ultime settimane si sta ora concentrando su quella occidentale. Nella giornata di lunedì 12 aprile sono stati registrati +47°C in Senegal, i primi 47°C dell'anno nell'emisfero Nord. E' piuttosto raro osservare questi valori in questo periodo.

    Prime precipitazioni sul Corno d'Africa. Da questo fine settimana alcuni temporali si sono sviluppati tra Etiopia e Sudan  ma altre precipitazioni, secondo le previsioni numeriche sono attese nel corso dei prossimi giorni anche in Eritrea e Somalia. La siccità è aggravata da La Nina ora in fase calante. Molte zone del Corno d'Africa sono alle prese con una emergenza umanitaria dovuta anche ai cambiamenti climatici che portano o prolungate siccità o inondazioni improvvise.



    © 3B Meteo

Timelaps Canon

Ultime 3 Ore
Andamento della giornata

 

 


Flag Counter  

davis logo  wuLogoNon  cwp logo   computer  Weather API  Anemos wds5  awekas 07    1720

wdworld  12  Blitzortung Logo  Foscam  cemer  Centro meteo Italia  met office wow  pws  wws-map-logo  StrikeStarEU Member100  01  Omtea.png 01 01 01

 
© 2012/2020, Pomeziameteo | wview (5.20.2) | Verifica XHTML 1.0 | Verifica CSS
Non prendere mai decisioni importanti sulla base di questo o altri servizi meteo da internet. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

Privacy Policy

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.