Stazione meteo ufficiale di Pomezia dati in real time

Dati stazione in tempo reale

Webcam Canon HD

 Webcam-Canon  

Previsioni meteo a 5 giorni

YoWindow.com Forecast by yr.no
YoWindow.com Forecast by yr.no
Meteogram Pomezia Sud.

Previsioni meteo a 10 giorni

Dettagli su Pomeziameteo

POMEZIAMETEO per il suo elevato standard sia in termini di precisione dati che per la sua affidabilità di funzionamento è entrata a far parte insieme ad altre stazioni del territorio Italiano con medesime carattteristiche del programma di monitoraggio scientifico Weatherness, una collaborazione tra l'Università di Milano e l'associazione Onlus MeteoNetWork. La stazione POMEZIAMETEO è stata qualificata come a norma nella tipologia urbana e fà parte della rete nazionale MeteoNetwork Centro Epson Meteo inviando i suoi dati anche nei circuiti nazionali di MyMeteoNetwork, Italia Meteo Network,Linea Meteo,Meteo.sm,Meteo-4,Meteo in diretta e internazionali di Weather Underground,Cwop,Awekas,Pws, raggiungibili con un click sui loghi affianco. L'acquisizione dei dati è realizzata da Anemos WDS-5 L'elaborazione dei dati e la generazione dei grafici e delle statistiche è realizzata da Anemos WDS-5 Il contenuto di questo sito ha carattere puramente divulgativo. I marchi e i loghi appartengono ai rispettivi proprietari. Il materiale contenuto in questo sito, che è stato realizzato in proprio da Roberto Caselli, è rilasciato sotto la licenza Creative Commons by-nc-sa POMEZIAMETEO non si assume alcuna responsabilità di carattere civile o penale per l'utilizzazione impropria delle informazioni contenute nel sito.

Ultime News

  • immagine news canicola-sempre-piu-intensa-acuto-del-caldo-deve-arrivare

    L'ondata di calore inizia ad accentuarsi anche sull'Italia, con l'anticiclone nord-africano che tende pian piano a sbilanciarsi verso la nostra Penisola. Al momento non vi sono certezze nemmeno sulla possibile via d'uscita da questa rovente africana, che di certo non avverrà prima di una settimana.


    CALDO ANCORA ATROCE IN MEZZA EUROPA - Nonostante l'inserimento di correnti più fresche atlantiche, il forno africano resta ancora acceso su livelli estremamente eccezionali su un'ampia porzione del Continente. L'immagine satellitare permette di apprezzare l'avanzata di un sistema nuvoloso non molto organizzato proteso dal Regno Unito alla Penisola Iberica, passando per la Francia centro-occidentale. In queste zone effettivamente la calura si è decisamente ridimensionata, con temperature che sono localmente scese anche di 10 gradi sebbene rimanendo oltre le medie. Il grosso della bolla africana si è spostato poco più ad est, coinvolgendo più direttamente la zona compresa fra la Francia nord-occidentale, Belgio, Olanda e Germania (leggi qui l'approfondimento).

    ITALIA SEMPRE PIU' ABBRACCIATA DALL'AFRICANO - Non sarà certo eccezionale come su parte dell'Europa, ma anche sulla nostra Penisola la calura va lentamente accentuandosi, sia di giorno che di notte. Il cuore rovente dell'anticiclone nord-africano si è andato infatti spostando poco più ad est, coinvolgendo così maggiormente anche l'Italia, specie per quanto concerne il Settentrione e parte delle regioni tirreniche. Le temperature hanno comunque subito degli aumenti molto contenuti, con picchi in genere sui 35/36 gradi su alcune località interne. Il sole ha dominato in maniera quasi incontrastata su tutta la Penisola, eccezion fatta per alcuni settori alpini dove si sono formate isolate celle temporalesche, favorite da qualche spiffero instabile e dal forte riscaldamento diurno.



    CALDO IN ACCENTUAZIONE - Continueranno ad aumentare molto lentamente le temperature e da qui ai primissimi giorni della prossima settimana ci ritroveremo verso il clou dell'ondata di caldo, che potrebbe raggiungere livelli eccezionali. Di sicuro è un'ondata di calore che si rivelerà molto importante per la persistenza.

  • immagine news giugno-2015-in-italia-altro-mese-caldo-anomalia-che-dura-da-mesi

    Si è chiuso l'ennesimo mese con temperature sopra media in Italia. Anomalie termiche più pronunciate al Nord-Ovest, meno sulle regioni orientali e al Sud.

    In attesa dei dati che normalmente sforna il nostro CNR, anticipiamo brevemente l'andamento climatico di giugno in Italia.

    E' stato un altro mese caldo, con un'anomalia di temperatura di circa +1,5°C su base 1981/10 e di quasi +2°C su base i trentenni precedenti.

    Le anomalie sono state maggiori al Nord Ovest e minori in Sicilia.

    Il mese ha avuto un andamento irregolare, con una prima decade caldissima (oltre +3°C rispetto alla media) e un caldo via via in diminuzione durante la seconda e ancor più la terza decade. L'ultima decade è stata addirittura lievemente sotto media, su base nazionale, rispetto all'ultimo trentennio, sotto media che si è fatto corposo (circa -1°C) sulle regione adriatiche e al Sud.

    Tra le grandi città le anomalie termiche maggiori le troviamo a Milano, Genova e Napoli, le minori a Bologna e Bari. Ovunque anomalie comprese tra +1°C e +2°C rispetto all'ultimo trentennio di riferimento e tra +1,5°C e +3°C rispetto ai trentenni precedenti.

    Nell'ultimo decennio questo mese di giugno si situa al terzo posto tra i più caldi, preceduto dai mesi di giugno del 2012 e del 2007. Da inizio millennio mesi di giugno più caldi si sono avuti anche nel 2002, 2003 e 2005.

    E' inoltre da evidenziare come tutti i primi 6 mesi di quest'anno abbiano avuto temperature superiori alle medie, anche in raffronto al più recente trentennio di riferimento (1981/10).

    E luglio è partio subito sparato.



    Le piogge, come è tipico dell'estate, sono state mal distribuite e a carattere temporalesco, e si sono verificate soprattutto durante la fase centrale del mese.

    Non sono mancati nemmeno i forti temporali, accompagnati talvolta da grandinate, che non hanno colpito solo, come da prassi, le regioni padane e alpine, ma anche le regioni meridionali, come Puglia, Basilicata, Calabria, Campania e Sardegna.

  • immagine news non-solo-caldo-in-crescendo-avremo-temporali-di-calore

    Nonostante l'anticiclone africano sempre più opprimente, non manca qualche estemporanea manifestazione temporalesca limitatamente alle aree montuose. Gli stessi scenari li vedremo anche negli ultimi giorni della settimana, con la calura crescente che potrà facilitare l'innesco di questi locali episodi temporaleschi. La...

    Nonostante l'anticiclone africano sempre più opprimente, non manca qualche estemporanea manifestazione temporalesca limitatamente alle aree montuose. Gli stessi scenari li vedremo anche negli ultimi giorni della settimana, con la calura crescente che potrà facilitare l'innesco di questi locali episodi temporaleschi.

    La mappa sottostante si riferisce alle precipitazioni attese per venerdì 3 luglio: notiamo la possibilità di acquazzoni temporaleschi lungo gran parte del comparto alpino, ma le aree interessate da fenomeni significativi saranno comunque limitate. Appare molto più bassa la possibilità di rovesci lungo la dorsale appenninica.

Italian Dutch English French German Spanish

Timelaps Canon

Ultime 3 Ore
Andamento della giornata

News

Info Traffico

Weather Underground PWS ILAZIOPO4

 

 


Flag Counter

    davis logo  wuLogoNon  cwp logo computer  Weather API  Anemos wds5awekas 07    italia member100     1720

wdworld  12  Blitzortung Logo  Foscam  cemer  Centro meteo Italia  met office wow  pws  wws-map-logo  StrikeStarEU Member100  01  Omtea

Rete Meteo Basilicata e Nord Centro Sud Italia

 

©2012/ 2015, Pomeziameteo | wview (5.20.2) | Verifica XHTML 1.0 | Verifica CSS
Non prendere mai decisioni importanti sulla base di questo o altri servizi meteo da internet.